Varsavia in pillole: casa, lavoro, spesa

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Le prime cose da fare quando si diventa #expat è conoscere Varsavia in pillole, che sono quelle per vivere al meglio la quotidianità.
E’ importante occuparsi della ricerca di una casa, di un lavoro, di fare la spesa e imparare la lingua polacca, almeno per l’uso quotidiano.

Di primaria necessità è la sistemazione, in un alloggio condiviso o un appartamento tutto per sè.

La scelta dipende dal budget e dal periodo di permanenza. Molti business man hanno un rimborso riconosciuto dall’azienda, quindi, preferiscono vivere anche diversi mesi in un Residence, e a Varsavia non mancano. Dalla comodità al lusso, ogni residence è dotato di diversi servizi, come pulizia e stiratura, oltre alla comodità di non dover pagare bollette a parte e stipulare nuovi contratti.

varsavia-in-pilloleI più giovani, sopratutto studenti #Erasmus preferiscono occupare una stanza condividendo un appartamento con altri studenti. In questo modo ci si diverte oltre che studiare e soprattutto si conoscono gli usi e costumi di tanti altri Paesi. Le amicizie internazionali poi potranno sempre far parte di quei viaggi da fare da “grandi”.
Per trovare una sistemazione si può cercare semplicemente su Google le parole: accomodation warsaw, apart hotel warsaw, flat to share warsaw, pokoje warszawa. In alternativa ci si può rivolgere ad un’agenzia immobiliare e visitare diversi siti specifici, come ad esempio, morizon, gumtree, otodom, tutti con il dominio polacco. Facebook aiuta molto la comunità in questo tipo di ricerca, infatti, esistono diversi gruppi dove trovare offerte di alloggio a Varsavia.

Se siete a Varsavia per lavoro probabilmente avete già un contratto in tasca, quindi, la ricerca per voi è già fatta! 
Se invece siete venuti a vivere qui per cercare una nuova esperienza il lavoro deve essere trovato sul posto. Potete fare una ricerca su questi siti di annunci lavoro: praca, pracuj, gazetapraca, anch’essi con il dominio polacco.

Quale lavoro fare a Varsavia? In una grande città come la capitale polacca si possono trovare diverse occasioni di lavoro. Dall’ informatico, prevalentemente ricercata questa figura data la alta presenza di aziende internazionali, all’ insegnante della lingua italiana. Varsavia è una città che sta cambiando volto molto rapidamente e per questo trovano lavoro anche i tanti architetti che trovano impiego presso i più grandi studi del settore con sede in centro.

 

varsavia-in-pilloleMolti italiani non parlando la lingua polacca ma non avendo nemmeno una buona base di inglese si impiega come pizzaiolo, lavapiatti, o magazziniere. Nel frattempo si conosce la città, si studia e ci si integra conoscendo altri italiani o polacchi.

Tantissimi si organizzano per partite di calcetto, karaoke, passeggiate in bicicletta e nuotate in compagnia.
 
Pensare alla spesa è tra le cose più semplici da fare ed organizzare. Varsavia ha un negozio di alimentari ogni 600 metri, riconoscibili da una ranocchia sull’insegna o dal logo Fresh! I mercati rionali sono diversi e uno dei più storici è quello di Hala Mirowska.
Ci sono tanti supermercati e discount, nei quali trovano anche i prodotti italiani, gli stessi che le mamme spediscono ai loro figli lontani da casa spendendo molto per organizzare i pacchi. Per avere un’idea dei costi aggiorniamo spesso l’album dei prodotti fotografati nei supermercati. 

varsavia-in-pilloleQuando non si ha voglia di andare a fare la spesa, non si ha la macchina per fare un bel carico oppure nei mesi invernali fa troppo freddo per andare in giro carichi di buste, si può fare tutto comodamente seduti. Molte società vendono il #dostawa cioè la consegna a casa di prodotti alimentari, come esistono le conosciute consegna pizza a domicilio. Essendo italiani la consegna pizza forse aspettiamo un pò prima di provarla!
Dove fare la spesa online? Sui maggior siti conosciuti come Frisco, Tesco, Alma, Auchan sempre con il dominio polacco.
Per tutte le altre spese si può andare in uno dei tantissimi centri commerciali di Varsavia, dove trovare veramente di tutto.

Veniamo alla nota più dolente: imparare il polacco, o almeno provarci. 
Entrare in un negozio salutando, chiedere quanto costa un articolo, acquistarlo o meno, salutare andando via.
Salire su un tram o su un autobus pieno di gente e chiedere permesso per scendere. Chiedere una birra e il conto al ristorante.

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Autore dell'articolo: Bella Varsavia

2 commenti su “Varsavia in pillole: casa, lavoro, spesa

  • Massimo

    (11 gennaio 2017 - 22:03)

    Ciao mia figlia vuole fare un’esperienza di volontariato a Varsavia.
    Ho letto molte cose positive ma volevo capire con quanto mensilmente può riuscire a vivere decorosamente avendo l’alloggio pagato e se per una ragazza da sola si può stare tranquilli grazie

  • Bella Varsavia

    (17 gennaio 2017 - 13:44)

    Buongiorno sig. Massimo,
    può trovare informazioni sui costi della vita al seguente link, relativo all’articolo Vado a vivere a Varsavia ed ho tante domande!
    http://www.bellavarsavia.com/domande-per-vivere-a-varsavia/

    La città è tranquilla e offre tanti servizi e cose da fare/vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *