Babbo Natale in Polonia

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Mi piace molto raccontare di Babbo Natale in Polonia, perchè lavoro anche come elfo!

Anche se in modo non ufficiale il Dzień Świętego Mikołaja che ricorre il 6 dicembre di ogni anno, celebra l’inizio del periodo natalizio in Polonia.

Si racconta che nell’anniversario della sua morte, Saint Nick scese dal cielo indossando un abito regale, dai colori oro e viola ed un cappello.
Babbo Natale in Polonia
Mercatini di Natale

Nella zona a sud della Polonia i bambini scrivono delle lettere a San Nicola, per chiedergli un regalo. Anche due se sono stati particolarmente buoni.

Di solito chiedono un oggetto desiderato durante tutto l’anno e lasciano la lettera fuori dalla finestra. La lettera poi sarà ritirata durante la notte dagli elfi, gli aiutanti di Babbo Natale.

La mattina del 6 dicembre i bambini si svegliano cercando il loro regalo sotto il cuscino o vicino al letto.

Nella parte più a nord della Polonia, invece, la sera del 5 dicembre i bambini puliscono le loro scarpe e le lasciano fuori dalla porta o dalla finestra. Prima di addormentarsi pensano a Babbo Natale, e di certo riceveranno un dono!

Venite a scoprire i mercatini di Natale a Varsavia.

Vi racconto come ho fatto a diventare un elfo di Babbo Natale

Elfo di Babbo Natale in Polonia
La renna di Babbo Natale

Varsavia è incantevole, ammaliante, meravigliosa, unica, magica e sorprendente… proprio come il Natale!

Sì, questa città è soprattutto magica e sorprendente… vi spiego cosa intendo.

Voglio raccontarvi una delle mie esperienze di lavoro invernale a Varsavia.

Luglio (si comincia in estate per tutto ciò che gira intorno a questa ricorrenza, anche se potrete non crederci).

Leggo su Facebook un annuncio di ricerca profilo Italian speakers, Fluent English, Sales Skills, ecc.Nella richiesta vedevo il mio profilo, ma non specificavano esattamente di cosa si trattasse, e la mail da contattare era di un account personale, non aziendale.

Così, invece, di mandare il mio CV, contatto la persona dell’annuncio senza mandare allegati, chiedendo maggiori dettagli.

decorazioni Natale
Decorazioni di Natale

Dopo pochi minuti mi chiama per fissare un colloquio, il giorno stesso alle ore 19. Ma avendo il corso di polacco a quell’ora ho chiesto di andare il giorno dopo. Questa persona, invece, mi chiede di raggiungerlo in ufficio il giorno stesso alle ore 16, in pratica dopo due ore. E ci corro perchè si tratta del lavoro che avrei voluto fare fin dalle elementari. 

Si tratta di lavorare per Babbo Natale… e scrivere letterine per i bambini nel mondo (come si svolge il lavoro lo racconterò in un prossimo articolo; se non vuoi perderlo iscriviti alla Newsletter).

Accetto e mi organizzo velocemente per raggiungere il posto, che non è un ufficio (diciamo di quelli classici), ma il numero di un locale all’interno di un centro commerciale.

Una volta arrivata in questo centro commerciale, so di dovermi recare al secondo piano, ma sulla mappa del centro commerciale l’ufficio non è menzionato. E’ tutto sempre più misterioso!

La sfiga non e’ cieca, ci vede benissimo, e prendendo il cellulare per chiamare il “tipo” del colloquio mi accorgo di avere la batteria scarica.

In quell’istante però (forse per aver fatto delle faccette disperate) mi si avvicina il ragazzo delle pulizie del centro commerciale e mi guarda perplesso. Gli chiedo se conosce dove si trova, al secondo piano, l’ufficio di Babbo Natale, perchè ero li per fare un colloquio.

Mi guarda perplesso e scoppia a ridere, dicendo “credi a Babbo Natale?” Alla tua eta’?”
Ero mortificata e ho realizzato che forse ero vittima di uno scherzo. Dico che il mio cellulare e’ scarico e questo ragazzo, tra una risata e l’altra, mi offre il suo telefono per chiamare.

Squilla…evviva! Hallo…bla bla bla. Parlo con il tipo con cui ho il colloquio che mi spiega come raggiungerlo.
Il ragazzo delle pulizie mi guarda sbigottito, ridendo ci accordiamo che se il colloquio è reale ed avrò il lavoro gli offrirò una colazione e una ricarica del cellulare. Lui mi augura buona fortuna (powodzenia in polacco), scuotendo la testa come se avesse incontrato una pazza, e prendo l’ascensore.

Poco dopo incontro il “tipo” e il mattino dopo inizio questa fantastica avventura! Varsavia invita il Babbo Natale che vive in Lapponia ogni anno per l’accensione dell’albero in Plac Zamkowy, che solitamente è organizzata per il primo sabato di dicembre.

Albero di Natale Varsavia Castello Reale
Plac Zamkowy, Albero di Natale nella piazza del Castello Reale di Varsavia

Migliaia di luci creano magia sul Castello e l’atmosfera diventa unica, soprattutto se avrete la fortuna di veder nevicare.

Credete nei sogni e soprattutto realizzateli… buona fortuna!

Commenta e Condividi questo articolo… cosi’ Babbo Natale mi nominera’ Elfina dell’anno!

Slitta Babbo Natale
Slitta Babbo Natale 2.0

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Autore dell'articolo: Bella Varsavia

6 commenti su “Babbo Natale in Polonia

  • elena spadafora

    (23 ottobre 2018 - 11:27)

    Sogno di visitare la Polonia da quando, qualche anno fa, i miei ci sono stati in vacanza e me ne hanno raccontato meraviglie. Io avevo un’idea un po’ stereotipata della Polonia, la immaginavo un po’ triste, stile Grande Madre Russia ahahah Invece mi hanno detto che è davvero molto bella, sia per le città e i monumenti che per i paesaggi e la natura. Dopo aver letto il tuo post immagino che andare per Natale sarebbe un sogno! 🙂

  • Bella Varsavia

    (23 ottobre 2018 - 11:33)

    Ciao Elena, lo capisco benissimo, noi italiani siamo un pò rimasti agli anni del comunismo quando pensiamo alla Polonia. Si stanno colorando i palazzi block (quelli altissimi e grigi) e ora li rendono gialli o con tonalità verde chiaro. L’atmosfera natalizia è magica, tantissime luci e se ti trovi sotto una nevicata resti a braccia aperte!

  • Lucy the Wombat

    (23 ottobre 2018 - 11:48)

    Questo post è il più divertente che abbia letto oggi! Rido di gusto… però poi come continua? Non posso restare senza seguito! 🙂

  • Gavinedda

    (23 ottobre 2018 - 12:01)

    La Polonia mi ha sempre affascinata ma non ho potuto ancora visitarla. Ho sempre pensato alla Polonia come un posto “invernale” e malinconico… Tutta colpa dei Notturni di Chopin che io adoro. Nel tuo blog sto scoprendo un’altra Varsavia molto più solare e interessante e mi sta venendo voglia di fare subito il biglietto aereo per visitarla, magari proprio sotto Natale. 😍

  • Bella Varsavia

    (23 ottobre 2018 - 12:36)

    Eheh Lucy grazie, te lo svelerò presto, promesso!

  • Bella Varsavia

    (23 ottobre 2018 - 12:42)

    Gavinedda forse perchè sprigiono il sole che è in me! E’ bellissima anche di inverno e per Natale non è carissima, provaci…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *