Lublino dalla A alla Z

Facebooktwitterpinterest

Lublino è una città della Polonia che offre tante cose da vedere, e che vi elenco dalla A alla Z.

Antica sede del banco degli industriali di Lublino: oggi ospita il Grand Hotel Lublinianka, in via Krakowskie Przedmiescie56, con il suo ingresso principale, e su via Kollataja l’accesso secondario.

Questo edificio maestoso ed elegante fu costruito nel 1900 e veniva usato per promuovere l’economia locale, concedendo prestiti di denaro a basso interesse.

Durante la seconda guerra mondiale fu occupato e diventò un centro culturale per i tedeschi.

Basilica di Lublino e la Torre della Trinità: costruita tra il 1586 e il 1604 per i Gesuiti giunti a Lublino.

C’è tanta Italia presente in Polonia e anche nell’arte di Lublino. Questa chiesa fu disegnata dagli architetti italiani Giovanni Maria Bernardoni e Giuseppe Brizio, che si ispirarono alla romana Chiesa del Gesù.

Nel 1805 divenne cattedrale e ad oggi, al suo interno, c’è il Museo di arte sacra dell’Arcidiocesi, con una terrazza panoramica posta all’ultimo piano.

Basilica di Lublino
Basilica di Lublino

Biblioteca Pubblica Regionale Hieronim Lopacinski: ospita la collezione di libri di H. Lopacinski, etnografo, storico, insegnante, collezionista, linguista e coautore di una guida di Lublino pubblicata nel 1901.

Carnevale dei Giocolieri: si svolge l’ultima settimana di luglio e premia l’arte di strada. Solo a Lublino si svolge questo evento unico con giocolieri, acrobati, prestigiatori, attori e musicisti.

Carnevale dei Giocolieri Lublino
Carnevale dei Giocolieri

Chiesa dei Domenicani in Onore di san Stanislao Vescovo e Martire: Re Casimiro il Grande ordinò la sua costruzione nel 1342 e dal XVII secolo furono annesse alla struttura una serie di cappelle, tra cui quella dei Tyszkiewicz che presenta la cupola decorata col Giudizio Universale.

Chiesa del Santo Spirito: è composta da una sola navata e due cappelle. All’ingresso ci sono targhe commemorative dedicate ad Anna Denhoff Daniwillowicza, figlia del principe Zygmunt Viktor Denhoff.

Chiesa della Conversione di San Paolo, dove nel 1569 si celebrò la funzione di ringraziamento per l’Unione Polacco Lituana.

Chiesa dell’Ascensione al cielo della Madonna della Vittoria: risale al 1412 ed è possibile visitare la cripta, il solaio e il campanile.

Chiesa di San Giovanni Kuncewycz: fu costruita grazie alle richieste, concesse dal re, dei mercanti greci che desideravano avere una chiesa ortodossa.

Chiesa e Convento dell’Ordine dei Cappuccini: decorata con pilastri e con le figure dei santissimi Pietro e Paolo.

Castello di Lublino
Castello di Lublino

Castello: grazie alla posizione naturale sulla collina, la struttura del Castello di Lublino sorge svettando sui tetti della città.

Costruito in pietra per volere di Re Casimiro il Grande e luogo in cui si firmarono gli atti dell’Unione di Lublino nel 1569.

Pierogi e cotoletta
Pierogi e cotoletta

Cosa mangiare a Lublino: vi consiglio il ristorante polacco Sielsko Anielsko, il ristorante Georgiano Chisza dove mangiare carne grigliata, il ristorante ebreo Mandragora, di cui ancora sogno lo squisito fegato macerato nel vino rosso, cotto con miele e funghi.

Giardini Sassoni: il polmone della città dove poter passeggiare tra i 12 ettari aperti nel 1837.

Giardini Sassoni di Lublino, Polonia
Giardini Sassoni

Hotel Europa: struttura costruita nel 1865 su ispirazione del magnifico Hotel Europejski di Varsavia.

Maglia di Lublino: potete acquistarla e riceverla a casa!

Majdanek Campo di concentramento

Monumento a Jozef Czechowicz: poeta polacco, morto nel 1939 durante i bombardamenti di Lublino.

Monumento all’Unione Polacco Lituana, Monumento dedicato a Giovanni Paolo II Università Cattolica di Lublino, Piazza della Parrocchia, Porta Krakowska e Porta Grodzka, : foto e descrizione nel mio articolo Cosa vedere a Lublino in due giorni.

Municipio Nuovo: ha un aspetto moderno rispetto all’altro distrutto durante la seconda guerra mondiale. Secondo il decreto del 1685 dalla terrazza viene suonata la chiamata a raccolta ogni giorno alle ore 12.

Palazzo dei Czartoryjski: nel XIX secolo fu prodotto tabacco. Mentre nel periodo tra le due guerre mondiali fu aperto il cinema Corso.

Palazzo dei Konopnicki: un bellissimo edificio con soffitti in legno che ospita una scuola.

Palazzo dei Lubomelski: riporta lo stemmo della famiglia Zadora. Nei sotterranei c’è la Cantina Pod Fortuna che conserva dipinti del XVI secolo.

Palazzo dei Lubomirski: ospita le facoltà dell’Università Marie Sklodowska Curie.

Palazzo dei Wieniawski: in questo edificio nacque il violinista e compositore Henryk Wieniawski.

Simbolo della città di Lublino: la capra, considerata simbolo di fertilità della terra.

capra simbolo di Lublino
Capra simbolo di Lublino

Teatro Juliusz Osterwa: costruito grazie alla raccolta fondi organizzata tra industriali e intellettuali della città.

Tribunale: usato dal 1578 come sede del Tribunale della Corona per la piccola Polonia. Prima, nel 1408, era sede del Vecchio Municipio.

Vecchio Teatro: è stato il primo teatro della città ed uno dei primi in tutta la Polonia.

Facebooktwitterpinterest

Autore dell'articolo: Bella Varsavia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *