Fascino e meraviglia tra i canali di Venezia

Facebooktwitterpinterest

Per molti artisti e scrittori i canali di Venezia hanno rappresentato per secoli posti affascinanti soprattutto per la mente, che non solo un’ispirazione per dove stabilirsi.

La luce, i riflessi dell’acqua che cambiano continuamente rendono Venezia un luogo magico.

Alla luce dell’alba, offuscata dalla nebbia, poi cambia verso la mattina tarda, facendosi più luminosa.

Al tramonto non mancano i tantissimi riflessi sulle vetrate dei palazzi che poggiano sull’acqua, i contrasti tra le sculture, le logge e i tetti.

Una vera e propria opera d’arte a cielo aperto ed anche per questo Venezia è spesso scelta come set cinematografico.

Per visitarla al meglio consiglio di fare un giro in gondola lungo i canali di Venezia.

Vedendola dall’alto sembra un pesce gigantesco che riposa sulla laguna caratterizzata da una fitta ragnatela formata dai tantissimi canali.

Venezia è formata da oltre un centinaio di isole collegate tra loro fra corsi d’acqua e ponti.

Le sei aree di Venezia sono chiamate Sestieri: il Sestiere di Cannaregio, la regione delle canne presenti in palude, chiamato anche Canal Regio.

Il Sestiere del Castello che prende nome da un castello costruito sulla punta più estrema.

Comprende l’isola della Giudecca il Sestiere di Dorso Duro. Il Sestiere di San Marco, il punto centrale di Venezia. I Sestieri di San Paolo e Santa Croce che prendono nome dale rispettive chiese.

Imperdibile anche l’escursione alle isole di Murano e Burano, tra le più belle della laguna veneziana.

Venezia è da secoli simbolo di splendore e magia, grazie anche alle ricchezze dovute agli scambi commerciali effettuati sul territorio.

La città di Venezia che già dal trecento si abbellì da palazzi e chiese caratteristiche e ornate da strutture gotiche.

Per tutto il Rinascimento Venezia è stata un polo manufatturiero e le sete, che arrivavano dall’Oriente, venivano trasformate in tessuti ed abiti preziosi, da far invidia alle corti più reali d’Europa.

I canali principali di Venezia sono il Canal Grande, che offre la via di trasporto principale, chiamato il Canalazzo dai veneziani, e il Canale della Giudecca.

Sul Canal Grande si affacciano i palazzi più famosi, con empori e tante persone che passeggiano e ammirano la bellezza di Venezia. Anche per questo affollamento è diventato un’arteria principale.

E’ attraversato da tre famosi ponti come il più antico, il Ponte di Rialto del XVI secolo, costruito in pietra. Il Ponte degli Scalzi, in pietra, e il Ponte dell’Accademia, che era stato costruito in ferro e poi sostituito dal legno.

Il Ponte di Rialto è uno dei simboli più conosciuti al mondo intero.

Anticamente era l’unico punto di collegamento tra le estremità del Canal Grande.

E’ stato disegnato da Antonio da Ponte che lo realizzò tra il 1588 e il 1591, con un’unica campata lunga 48 metri e alta 7, in modo da essere percorso e i turisti sostano al centro per una foto ricordo.

Scopri le altre bellezze d’Italia…

Facebooktwitterpinterest

Autore dell'articolo: Bella Varsavia

2 commenti su “Fascino e meraviglia tra i canali di Venezia

  • Helene

    (18 Settembre 2020 - 13:28)

    Venezia è ormai quasi la mia seconda casa e ci vado almeno tre quattro volte l’anno. Adoro le zone meno prese d’assalto dal turismo di massa, passeggiando senza meta ho avuto modo di scoprire angoli davvero magici che seguendo il flusso della folla non avrei mai trovato. Il top è effettivamente il giro in gondola come dici tu.

    • Bella Varsavia

      (18 Settembre 2020 - 16:17)

      Ciao Helene, la penso anche io come te, non amo stare in mezzo alla folla quando visito una città e mi piace perdermi tra le vie e scoprire cose nascoste a molti turisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *